Molto diversi, eppure…

h_42061_04

Lo Studio Polpo, con sede a Sheffield, ha scelto la Pietra Acrilica (Solid Surface, in questo caso Hi-Macs) e OSB (un pannello a lamelle orientate in materiale legnoso molto povero e grezzo) per realizzare una serie di arredi destinati allo spazio espositivo di Bloc Projects.

Gli elementi creati esplorano in un’ottica ludica tutte le caratteristiche e possibilità di questi due diversissimi materiali. I complementi, una scrivania, un contenitore e una vetrina, sono fabbricati da WALL™ (We Are Limitless Limited), un’azienda specializzata insediata nel Nord Est dell’Inghilterra, che fabbrica arredi su misura.

h_42061_09

Il progetto è stato richiesto per il desiderio di avere dei complementi versatili e utilizzabili sia per l’ufficio, sia per meeting ed esposizioni, ma allo stesso tempo in grado di salvare lo spazio all’interno della location di Bloc Projects, adibita principalmente a galleria d’arte. Il risultato, chiamato Bloc Objects, è costituito da una serie di arredi che funzionano sia singolarmente sia combinati in differenti configurazioni, a seconda della necessità del momento.

h_42061_05

Questi tre mobili possono infatti essere ‘connessi’ tra loro per creare dei solidi bianchi senza giunzioni, oppure separati per rivelare un rivestimento interno OSB materico e grezzo. La purezza della Pietra Acrilica ha creato dunque un efficace contrasto con la struttura portante in legno, generalmente occultata dai fabbricanti. Avvicendando la configurazione di questi tre oggetti si possono soddisfare diverse esigenze funzionali ed estetiche.

h_42061_01 h_42061_02

Questi elementi d’arredo costituiscono la prima fase di uno studio più vasto, previsto dallo Studio Polpo e fatto per esaminare i vari modi in cui si possono sviluppare e organizzare le attività e gli eventi nello spazio di Bloc Projects. Infatti, i mobili ideati dallo Studio Polpo fungono sia da supporti per le esposizioni sia da archivi per svolgere il lavoro amministrativo, senza mai contraddire le precise esigenze estetiche della galleria.

Il progetto si è concentrato sullo studio della funzionalità, della flessibilità e della semplicità all’interno degli spazi espositivi, incorporando sempre un elemento di ricerca e sorpresa.

h_42061_10 h_42061_12

Se da un lato eravamo sedotti dalla finitura liscia e perfetta ottenibile con il solid surface, dall’altro – quasi maliziosamente – ci entusiasmava l’idea di rivelare la carcassa più grezza e nascosta che, comunque, svolge forse la funzione più importante per il mobile in sé. Diversificando la configurazione di questi tre oggetti si rivela questa inderdipendenza, ma si consente nel contempo a Bloc Projects di rispondere a particolari esigenze sia funzionali sia estetiche.” (Jonathan Orlek, Studio Polpo).

h_42061_14

Articolo e immagini tratte da Archiportale.

Tutti i diritti d’autore sono riservati.